Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Cronache e foto della Strapazzata

Strapazzata - 38° marcia del Trofeo delle 3 Province

Foto

Galleria fotografica di Mario Pardella

 
La Strapazzata
di Giovanni Franceschi

Eravamo 2300 a correre in S.Rossore e noi di Quelli della Domenicain una ventina, ospiti compresi. La Strapazzata segue, secondo calendario, l'Eco Marcia dei Monti Pisani e serve a bilanciare le asperità delle Colline nostrali con la pianura e le radici dei pini della ex tenuta Presidenziale. Domenica scorsa un tizio non propriamente sobrio, ha parlato di criminalità organizzativa, ma il buon Marco Cecchella, del resto ottimo nella scelta e nella bellezza dei percorsi, non è minimamente sfiorato dalle difficoltà altimetriche Domenicali. Lui non le vede, non le avverte, non le subisce. Le supera e basta, non pensa al povero scriba di questo modestissimo commento, che deve lottare, quando va bene anche con le stramaledettissime radici dei pini, che decidono di uscire dal terreno anzichè fare come la maggior parte delle piante che hanno cervello, e che le fanno penetrare per bene nel terreno. E cosa c'azzecca questo con la Strapazzata? C'azzecca eccome. Quelle vecchie scrofe di Ugo, Riccardo, Dino e Co aspettavano anche oggi la caduta a pelle di leone del sottoscritto, abbarbicato da quelle liane che provengono da sotto. Sarebbe stata la terza delle ultime tre marce in S.Rossore. Ho dovuto pertanto allenarmi non sulla resistenza, ma sulla tecnica di corsa ritmando con passo agile, elegante, felpato per superare agevolmente le asperità del percorso. Ad un certo punto mi sono fatto sorpassare (volutamente) dal Cecchella Professore che mi ha chiesto perchè correvo con il fondo schiena così eretto. Ho risposto con eleganza che anche Adriana si chiede perchè eretto è soltanto il fondoschiena.
Aimè. Con la stessa eleganza di prima, io e Riccardo, all'ultima deviazione della 15 e della 21, abbiamo tirato dritto scorciando è vero un paio di kilometri, ma evitando altresì di incontrare ulteriori difficoltà, privando i tre simpaticoni di prima della soddisfazione di vedermi per le terre.
E domani chi mi porta a Marlia?