Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Cronache e foto della corsa di Cascine di Buti.

31 Gennaio 2010, Trofeo delle 3 Province - Cascine di Buti

Foto

Galleria fotografica di Vinicio Dali
Galleria fotografica di Aldo Passetti

XXXI MARATONINA DELLE COLLINE CASCINESI - a Erminia
di Giovanni Franceschi

Proposta indecente

Il pezzo di Domenica conteneva una proposta (per noi decente) di richiesta ai tre comitati podistici, in occasione dell'assemblea dei presidenti del 27 u.s., per devolvere un euro al popolo di Haiti, aumentando il costo del cartellino nelle tre corse più affollate dei calendari (Porcari, Marlia e Strapazzata), ipotecando un introito globale di oltre 15.000 euro. La denominazione dell'articolo odierno, modifica la precedente. Proposta Indecente, già titolo del famoso film interpretato da Demi Moore e Robert Redford, è stata proprio considerata la nostra, motivandola che i vari trofei non possono imporre indiscriminatamente un aumento del costo di iscrizione, che vari gruppi già organizzano per beneficenza, oppure che dovremmo preoccuparci dell'alluvione del Serchio e anche di incidenza dei costi per chi marcia con la famiglia. All'alzata di mano, nessuno ha aderito (neanche io, così imparo). La nostra proposta non intendeva togliere alcunché ad altre iniziative che si ripetono, per fortuna, negli anni e che consentono agli scienziati di sviluppare la ricerca. Non posso certamente dimenticarlo proprio io che sono stato tra i beneficiati di quanto sopra. Il Serchio è stato ampiamente trattato nell'articolo del 27 Dicembre, come il fiume della nostra gioventù, frequentato per il nuoto, la pesca e le passeggiate, scorrendo vicino alle nostre case. L'esondazione di Natale ha interessato la riva opposta, altrimenti ci saremmo trovati in mezzo, e Pisa con noi; ma nelle zone invase ci sono molte piccole aziende, che ora sono in ginocchio e alcuni dei proprietari sono cresciuti con noi. Non ci dimentichiamo! Haiti tuttavia, è una tragedia mondiale, una Nazione rasa al suolo insieme a oltre 200.000 haitiani.
La gara odierna da noi dedicata a Erminia (non per una proposta indecente, Francesco), ma per affetto e simpatia decenti, ci ha portato a Cascine di Buti, con una squadra ancora oggi monca. Molti dei nostri, per antico lignaggio, vanno a depositare i loro ricchi fondo schiena sulle nevi Ampezzane delle Tofane, mentre gli altri poveri diseredati, sono venuti sul Serra a difendere gli onori del gruppo. Confortato da un clima mite, da una bella giornata di sole e finalmente dai plantari giusti, ho potuto iniziare la preparazione per la sfida lanciata a Marco Bracci il 14 Febbraio a S.Miniato. L'allenamento ha avuto inizio con le iscrizioni, sgomitando, scalciando e smoccolando per arrivare al tavolino fatto prigioniero da Maura e Enrico e a loro mi viene da chiedere a che ora si buttano giù dal letto per arrivare così presto. Enrico gestisce con grande disinvoltura la quindicina dei nostri iscritti, concedendomi la possibilità di partire appena dopo le otto. Marco Cecchini, mio personalissimo preparatore, prevedeva per oggi il percorso della 25 da correre a 6 per km., vista l'altimetria, e come supplemento defaticante la mini di 6 da fare a 5 al km.. La parte più difficoltosa ho dovuta sobbarcarmela scortando il presidente Ciardelli, lui pure in preparazione alla corsa dei Ragazzi del Vega 10, di Sabato 27 Febbraio. Appena liberato dalla presenza ingombrante di Riccardo, ho allungato, rispettando i tempi stabiliti per la mini. Leggermente affaticato, ma soddisfatto per la performance odierna, come degna conclusione, il fido Matteucci ha scelto il premio di gruppo, consistente in una tovaglietta per bambini, finemente ricamata. Uno spettacolo!