Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Cronache della corsa di Ponsacco.

5 Dicembre 2010 - Ponsacco
XXXII Sgambata Mobilieri

Foto
E' ARRIVATO IL FREDDO (ovvero, MIRACOLO, NON HA PIOVUTO)
di Giovanni Franceschi

L'Inghilterra in rivolta e i tabloid londinesi parlano di imbroglio, umiliazione e vergogna per la mancata assegnazione dei campionati mondiali di calcio, aggiudicati alla Russia quelli del 2018 e al Qatar quelli del 2022. Questi due paesi sono stati classificati dagli inglesi, un popolo mafioso corrotto fino al cuore il primo e un regno medievale senza libertà di parola, il secondo. Non è bastata la presenza del Primo Ministro David Cameron, del principe William e di David Beckam, non sono bastati gli stadi più belli e accoglienti d'Europa e uno dei campionati di calcio più importanti, per avere nuovamente il mondiale in casa. Soltanto due miseri voti su 22, e uno era del delegato inglese; la Regina Elisabetta dalla rabbia, ha dato in pasto ai cavalli delle proprie scuderie alcune centinaia di splendidi cappellini, ornamento consueto della reale testa. In mezzo a questo caos, cosa studia il nostro Silvio, durante una delle consuete visite all'amato amico Putin? " Un piccolo contributo alla vittoria della Russia, è stato dato dal nostro voto e da quello di amici consiglieri della Fifa". Ci chiediamo chi ha dato il voto, visto che non risultava presente un nostro delegato e per quale motivo questi presunti amici non ci hanno dato una mano quando abbiamo perso l'opportunità di aggiudicarci l'organizzazione del campionato europeo. Il solito tempismo Berlusconiano!!

Finalmente torniamo a parlare di podismo, di sano e fresco podismo vissuto sulle colline adiacenti Ponsacco, in compagnia di un numero rilevante di aficionados, incuranti della temperatura a zero gradi, felici per una giornata non bagnata. L'inizio della giornata non è stato tra i più felici perché il cancello della magione di mia moglie,con apertura elettrica, non ha inteso ragioni ed è rimasto chiuso; fortunatamente è arrivata Franca e con lei siamo arrivati alle iscrizioni in tempo utile per avere spiegazioni dal tecnico Enel, Enrico, sul motivo della debacle mattutina. Non la finiva più di dare spiegazioni pseudo tecnologiche a me, che al massimo ho sostituito alcune lampadine bruciate. Il problema è stato risolto da Federica che ha verificato il guasto e risolvendolo con la sola esclusione di una parte dell'illuminazione esterna.

Sulla corsa niente da dire, salvo il kilometraggio troppo inferiore al dichiarato. E' vero che gli organizzatori non hanno potuto sfruttare il percorso consueto per le inondazioni dei giorni precedenti, ma bastava segnalare alla partenza i kilometri effettivi. Anche oggi eravamo un buon numero, con alcuni extracomunitari pistoiesi, ingaggiati dal Barni, tra cui uno proprietario di azienda lavoratrice di materiale giallo, che contribuirà ad alleviare le ristrettezze economiche del gruppo, facendo finalmente tornare il sorriso a chi Vi scrive su questo sito.