Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Cronache e foto della corsa di San Miniato.

14 Febbraio 2010, Trofeo delle 3 Province - San Miniato

Foto

Galleria fotografica di Mario Pardella
Galleria fotografica di Aldo Passetti

XXVII TROFEO CASA CULTURALE S. MINIATO BASSO - a Chiara
di Giovanni Franceschi

IO CHIARA E LO SCURO

Sono trascorsi 28 anni da quando Francesco Nuti interpretava il suo film più famoso: Io, Chiara e lo Scuro. Il simpatico attore toscano, amante del biliardo e frequentatore delle sale dove si praticava questo gioco, aveva avuto come spalla esperta Marcello Lotti, pluricampione italiano e vincitore di due coppe dei campioni. In Toscana qualsiasi soprannome accompagna a vita la persona indicata. Lo Scuro, così era chiamato il buon Marcello, per le sopracciglia folte, corvine e i capelli scuri quasi neri. Lo univa a noi, il jogging, ogni mattina faceva una corsetta, tanto per restare in forma per le lunghe partite ai 5 birilli e a goriziana. Ora lo Scuro gioca su altri prati verdi e Francesco lotta la propria battaglia per la vita. In bocca al lupo.
Inquadrare l'articolo odierno e il titolo conseguente è stato davvero facile perché all'ultimo momento e con mio immenso piacere, si è unita a noi Chiara, moglie del nostro Marco Bracci. La sfida al fenomeno del volley era stata da me inoltrata da un mese e non pensavo venisse accettata anche da lei. Chiara non è la solita moglie che vive di riflesso all'ombra del campione, sfruttando situazioni di comodo concesse spesso ai divi dello sport. Nata in una splendida famiglia, da Erminda e Virgilio ex direttore di banca, anch'essa giocatrice di pallavolo, si laurea all'Università di Pisa in economia e commercio. Dopo aver dato alla luce tre splendide fanciulle, aiuta una commercialista amica che aveva uno studio in zona. Una volta che è stata retribuita, per il lavoro svolto, con 1.000 euro, pareva avesse vinto il superenalotto. In casa entravano molti euro, ma la bellezza della coppia era costituita da forte integrità morale e conseguentemente è sempre stato dato il giusto valore al denaro. L'onore dell'iscrizione è toccato a Enrico promosso sul campo come responsabile della gestione dei cartellini per il nostro club. Con lui e Maura abbiamo sempre a disposizione un tavolino in pool position, mentre in precedenza riempivamo le schede appoggiandoci sulle spalle di alcuni soci benevoli.
Io Chiara e ....Il Campione. La preparazione, nell'ultimo mese, è stata stressante e l'impegno profuso notevole. Volevo dimostrare agli scettici che un ex nazionale di pesca, il sottoscritto, poteva competere anche con un megacampionegalattico di volley. All'inizio abbiamo permesso ai soliti tapascioni di Quelli Della Domenica, di allontanarsi per meglio concentrarci sulla personalissima sfida che è risultata subito avvincente, con scatti ripetuti anche in salita. Ho corso con l'handicap della gara in trasferta; loro abitano a S.Miniato, per cui gareggiavano in casa. La gara si è decisa sul filo di lana con la vittoria di ....Chiara, confermando che spesso tra due litiganti gode il terzo. Tra sette giorni faremo il bis, a Porcari, perché loro torneranno tra noi, entusiasti dell'atmosfera, dei colori, dei personaggi (pensate al Ceck), dei paesaggi, della semplicità del podismo amatoriale e per la nostra amicizia.
Grazie da noi tutti.