Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Cronache della corsa di Stiava.

24 Ottobre 2010 - Stiava
XXXVI Trofeo Podistico Avis Stiava

Foto
200 anni ma non li dimostra
di Giovanni Franceschi

Lunedì 18 Ottobre 2010 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è venuto nella nostra città per la celebrazione dei 200 anni di vita della Scuola Normale Superiore di Piazza Dei Cavalieri. In Francia l'Ancien Regime e particolarmente Luigi XIV creò le "grandes ecoles", scuole riservate a pochi che avessero attitudine agli studi e la volontà per eccellere, senza badare all'estrazione sociale e attraverso esami pubblici. Questa scuola fu voluta da Napoleone Bonaparte ed ebbe a Pisa i propri natali, sopravvivendo successivamente nel Regno d'Italia, dove l'allora ministro dell'istruzione De Sanctis tentò di allargare il concetto istituendo scuole normali, per l'insegnamento atto a creare professori per i licei e le scuole medie inferiori. Nel 1932 lo statuto della Scuola stabiliva che gli allievi dovessero dedicarsi all'insegnamento e alle materie scientifiche, ma nel 1966 il direttore Bernardini rileva che la scuola serviva alla formazione delle future classi dirigenti e al progresso della cultura. Importante il giuoco di squadra degli allievi, che portava i più vecchi a essere maestri degli scolari più giovani. Negli anni si rilevava che coloro che venivano considerati gli "educatori della nazione" uscivano dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, basta ricordare i Nobel Giosuè Carducci per la poesia, Enrico Fermi per la fisica e Carlo Rubbia ancora per la fisica. E ancora il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, pontederese, e il grande Carlo Azeglio Ciampi, di cui mi onoravo della fraterna amicizia con il fratello Giuseppe. In questa Scuola abbiamo una parte anche noi di Quelli Della Domenica, infatti uno degli allievi è stato Francesco Mancini, al secolo marito di Erminia Imperio.

Clamoroso! Abbiamo il pulmino!

Il fenomeno dell'Enel meglio del fenomeno Unicredit! Dove non è arrivato Marco Cecchella ha potuto Enrico Barni. Colui che veniva considerato il figlio non meritevole della splendida Maura, è riuscito, con il primo della numerosa campagna acquisti del nostro gruppo, Giuseppe Sica da Montecatini Terme, a raggranellare una percentuale sufficiente per l'acquisto di un pulmino Peugeot, da sfruttare, anche, nella seconda attività di esperto di elettricità. Attività non a scopo di lucro essendo principale quella di procuratore di podisti professionisti.

In conclusione, la caduta degli Dei!

In un gruppo come il nostro, che come abbiamo visto, comprende personaggi di alto lignaggio, dovremmo assestare l'equilibrio statico di alcuni. Come documentato in altri siti e dove non menzionato per amor di patria, due tra i dirigenti più importanti di Q.D.D. riescono, con puntualità sconcertante, a perdere equilibrio durante la corsa e a ritrovarsi sanguinolenti, sdraiati sui selciati, o quando va meglio nei sentieri acquitrinosi delle nostre marce. E per coloro che ancora ignorano l'evento, ricordiamo che la Safena abbandonerà martedì, le nobili gambe dell'uomo dalla erre moscia, e non solo, nella clinica di S.Rossore. Alle dimissioni della stesso, sarà bene che le nostre donne si rinchiudano in conventi di clausura, dove la protezione sarà sicuramente maggiore.