Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > San Pietro in Campo.

30 Aprile - XXVIII sgambata di Montemagno
1 Maggio - IX Marcia nugolese

VIVA GLI SPOSI
di Giovanni Franceschi

Mi è stato chiesto di parlare del matrimonio del secolo, proprio alla persona meno adatta che ha accompagnato all'altare due figlie, soffrendo perché in maniera molto egoistica mi andavano a mancare le persone più care. Non mi piace essere invitato ai matrimoni e sicuramente non spio lo schermo televisivo per guardare cerimonie che non mi riguardano. Sono stato a Londra nel 1984 per correre la maratona e per visitare quella metropoli che tanto mi affascinava e che dopo New York e Roma e prima di Parigi 1985, mi avrebbe portato al poker di gare di prestigio. Condotto dal mio mentore Bruno Orciuolo e con Miriano Orlandi andammo in visita a monumenti e musei e anche ai Kew Gardens, bellissimi giardini di Richmond, nella zona sud di Londra. Il parco di 120 ettari dispone di un centro di ricerca botanica a livello mondiale, dove per la prima volta, al di fuori dei confini tradizionali, fu coltivato l'albero della gomma. Si trovano due laghetti, lo stagno delle ninfee, il museo delle piante, il Kew Palace, un tempo dimora di Re Giorgio III e una Pagoda alta 50 mt. Il Big Ben, Westminster dove era collocato l'arrivo della maratona, la Torre di Londra, la Cattedrale di St Paul e Bukingham Palace dove andammo a vedere il cambio della guardia ( cosa che non rifarei). Il British Museum, il museo delle cere di Madame Tussauds. I bus a due piani, gli originali taxi, i pub, le sete dei mercatini. Il tempo in queste occasioni, è sempre troppo poco per imparare a conoscere le bellezze londinesi e la cultura del popolo inglese. Per questo mi imbarazza il commento del matrimonio, la partecipazione di oltre un milione di londinesi e di oltre un terzo della popolazione mondiale, che è rimasta incollata davanti a televisori e computer, estasiati dallo sfarzo ostentato. Due miliardi di persone si sono fermate per non perdere l'evento ( mi auguro non abbiamo condiviso l'inflazione degli orrendi cappelli calzati dalle Ladies), smettendo di lavorare, di viaggiare, di fare le cose di ogni giorno solo per vedere due giovani che convolavano a nozze. Mi sono documentato sui due quotidiani che acquisto giornalmente e devo dire che qualcosa di bello ho potuto notare. La natura è stata generosa con Carol MIddleton e si è esaltata con le figlie Kate e Philippa (Pippa) che sono andate a impreziosire le brutture della Famiglia Reale, compensando Camilla e Carlo.

La flebile speranza di tornare a un livello sufficiente, ci ha portato sabato alla sgambata di Montemagno e domenica alla gara di Nugola. La prova lucchese si sviluppava sul vecchio percorso, con l'aggiunta di tre km. che aumentavano la spettacolarità dei luoghi e rendendola davvero impegnativa. Insieme ad altri abbiamo deciso di andare a passo, risparmiando energie per Nugola, la corsa da me più amata. Il percorso livornese ci ha riservato sorprese perché gli organizzatori non hanno potuto sfruttare i consueti sentieri, negati dai proprietari per il turismo del 1 Maggio. La bellezza della corsa ne ha risentito e la speranza è di un rapido ritorno ai vecchi itinerari. Per concludere, abbiamo osservato con soddisfazione, l'ottimo stato del furgoncino di Enrico, acquistato con le provvigioni delle ultime campagne acquisti.