Il Gruppo Contatti Chi Siamo Come Associarsi Sezione Soci
BABY
Training
Rubriche
Bravi tutti
di A. Gelli
Interviste
di G. Franceschi
Home > Intervista di Giovanni Franceschi al Marathon Club Pisa

Domande al presidente Francesco Santucci

  1. Quale motivazione è più importante tra quelle sotto indicate?
    1. Amicizia;
    2. organizzazione gare;
    3. disponibilità;
    4. seguire i vari trofei.

    Francesco: Organizzare gare.

  2. Quali sono gli argomenti più dibattuti dai soci in merito alla nostra attività?

    Francesco: La bellezza e la sicurezza dei percorsi, i doppi cartellini, i ristori.

  3. Quale riscontro date ai Vostri soci in base ai loro suggerimenti?

    Francesco: Vengono, se con fondamento positivo, dibattuti in C.D. o trattati sul ns. notiziario mensile

  4. Quanto tempo dedicate al gruppo e quali sono le Vostre gratificazioni?

    Francesco: Due sere al mese per la riunione del C.D. e la redazione del notiziario, varie ore alla settimana per il resto. La soddisfazione dei soci.

  5. Conclusione

    Francesco: Se il Gruppo ti segue può anche essere piacevole, altrimenti meglio passar la mano. La regola non scritta, ma rispettata, che invita i Presidenti del Marathon a non ricandidarsi dopo due mandati mi sembra molto valida al funzionamento ed al ricambio.

Domande a tutti i soci

Queste domande ricorrono da sempre nel mondo podistico. Vediamo se è possibile stabilire delle percentuali di gradimento. (Sebastiano Ottaviano ci riporta personalmente quanto espresso dai soci del Marathon)
  1. Orario di raduno e partenza

    Nino: Sarebbe il non-plus-ultra partire alle 08.00 di estate ed alle 08,30 d'inverno.

  2. Quota di Iscrizione

    Nino: Penso che dal trofeo 2010 la quota sarà portata a 3 €. (cominceranno il Lucchese e Pisano dal 1° genn. e le 3 P. dal 1°sett.) Questo lo penso io.

  3. Ristori

    Nino: Il minimo c'è su tutti i ristori - bisogna insistere sull'igiene e distribuzione con le transenne.

  4. Ricambio generazionale

    Nino: E' difficile far venire i giovani la domenica mattina, specialmente gli abituè delle discoteche. Tuttavia un certo ricambio naturale avviene già - si tratta di quelli che appena si accorgono di un accenno di pancetta vengono ad iscriversi al gruppo.

  5. Corse del sabato

    Nino: Sono arciconvinto che le corse del sabato non danneggiano le non competitive della domenica mattina. Per lo più il sabato partecipano i familiari e amici dei competitivi e molto spesso li ritroviamo anche la domenica.

  6. Difficolta' economiche dei gruppi per organizzare le marce:

    Nino: Penso che non ce ne siano; nei paesi si va negozio per negozio a raccattare qualche rimasugli odi magazzino, gli altri hanno alle spalle solidi sponsor. Io però toglierei il premio ai gruppi perché anche di cose di poco valore, la spesa supera i 500 €. Quindi con 2 €. Ora e con 3 € poi, si rientra nelle spese.

  7. Conclusioni

    Nino: Penso che sia giunto il momento di passare a dei controlli elettronici per snellire il lavoro successivo delle marce. Penso anche che si debbano unificare i tre trofei ad anno solare.

La nostra storia
34 anni del Marathon Club Pisa (e non li dimostra)

Il Marathon Club Pisa è senz'altro il gruppo podistico amatoriale più anziano e più numeroso (oltre 150 soci) della città e forse anche della provincia.
Fondato nel 1975 dalla fusione dell'U.S. Tirrenia e del G.S. Porta a Lucca, con la denominazione Marathon Club Ottopi, prima e dal 1982 definitivamente con la denominazione attuale, caratterizzata dalla famosa "Torre" che corre, organizza l'ultima domenica di ottobre la "Città - Mare - Pineta" con partenza e arrivo a Marina di Pisa, facente parte del Trofeo delle 3 Province, di cui è al 1° posto per numero di trofei conseguiti ogni anno.
Quest'anno si corre la 34^ edizione - Per un lungo periodo la manifestazione comprendeva anche la distanza della maratona (km. 42,195) che consentiva il transito dalla suggestiva Piazza dei Miracoli, attirando numerosi marciatori extra regionali.
D'inverno Marina, quasi si spopola, ma l'ultima domenica di ottobre riprende vita come d'estate; vi affluiscono circa 3.000 persone di cui 1.600/1.700 partecipano alla corsa godendo della vista del mare, respirando l'aria salmastra e soprattutto percorrendo lunghi tratti nella pineta compresa tra Marina e Tirrenia - una marcia dunque all'insegna delle bellezze naturali.
Il Marathon Club ha organizzato varie edizioni della "Corsa delle Repubbliche Marinare" - della "Corrilungomare", in notturna, da tutti conosciuta come la "Corsa dei Lumini" in quanto l'intero percorso era illuminato da centinaia e centinaia di piccoli ceri posti sulla mezzeria della strada: una visione veramente suggestiva ed una gara (le ultime due sono state a staffetta, competitive) che il Consiglio attuale dovrà rispolverare stante la forte richiesta da parte di diversi gruppi podistici.
Da ricordare anche la partecipazione all'organizzazione delle "Staffette sui lungarni", alla "Strapazzata" e alla "PisaMarathon".
Figura fra i primi fondatori del "Criterium Podistico Pisano" insieme ad altre Società; per lo svolgimento di gare competitive e non, da effettuarsi al sabato, nel periodo marzo-settembre. In questo ambito, nel verde della tenuta di S. Rossore, nel mese di maggio di ogni anno, organizzava la corsa del "Conte Ugolino, poi trasferita definitivamente nella tenuta di Coltano.
La stragrande maggioranza dei Soci predilige la "non competitiva", anche se vi sono (e vi sono stati) atleti che hanno al loro attivo, significative prestazioni.
Esempio di forza e longevità: Angelo Squadrone, con le oltre 100 maratone portate a termine.
Altro insigne (ora dimissionario e dedito ad altro sport) Renato Piscioneri, fiero delle sue 2 maratone des sables e 1 maratona dell'Himalaya (gli amici augurano un suo ritorno). Sono molti gli atleti del Marathon che hanno calpestato in diverse occasioni il suolo straniero, partecipando a diverse maratone all'estero: New York - Parigi - Munchen - Vienna - Montecarlo - Berlino - Londra - S. Pietroburgo - Siviglia - Barcellona - Capo Nord Helsinki e Oporto; mentre in Italia si può dire che ci sono state presenze del Club in quasi tutte le maratone.
Per la sua vocazione "non lucrativa" alla fine di ogni anno effettua donazioni a favore di varie Associazioni umanitarie (AGBALT - CENTRO AIUTO ALLA VITA - MALATI ALZHEIMER - ASS. NAZ. TUMORI - PER DONARE LA VITA - SOSTEGNO AI TERREMOTATI DELL'ABRUZZO - ADOZIONE A DISTANZA - DONAZIONI DI SANGUE - ECC.)
Nel 2010, ricorrendo il trentacinquennale della fondazione del Club, il Consiglio Direttivo al completo, si sta prodigando per onorarlo nel migliore dei modi : con l'emissione di un francobollo e con iniziative superlative, spettacolari, umanitarie degne del Marathon Club Pisa.
Si sono alternati alla guida del Club: Romano Gammarota - Roberto Pasqui - Paolo Del Moretto - Giuliano Salvatorini (attualmente valido consigliere nazionale dell'U.N.V.S. - Unione Nazionale Veterani Sportivi), Moreno Parra, Dante Bonamici, Carlo Fagiolini e Sebastiano Ottaviano.
Circola all'interno del Club un notiziario mensile: "Il Notiziario del Marathon", diretto da un comitato di redazione composto da alcuni Soci e di cui fa parte anche il Presidente stesso, sul quale si pubblicano classifiche, notizie, suggerimenti, consigli tecnici, tutto ciò insomma che possa interessare il Socio, tenendolo così costantemente informato sull'attività e iniziative del Club.
Il Marathon Club Pisa è gemellato con il Gruppo Podistico di Cap d'Ail (Francia) e con il G.P. Cavaiola di Cava Picentini Costa d'Amalfi.
L'attuale Consiglio Direttivo è così composto:

  1. Presidente: Francesco Santucci
  2. Vice Presidente: Roberto Mariani
  3. Segretario: Michela Giorgi
  4. Tesoriere: Paolo Gualtieri
  5. Consiglieri:
    1. Sebastiano Ottaviano
    2. Luigi Facca
    3. Dante Bonamici
    4. Pierluigi Brogni
    5. Carlo Fagiolini
    6. Domenico Salvucci
    7. Venanzio Fonte.
  6. Collegio Sindacale:
    1. Presidente: Ivo Fatticcioni
    2. Membri: Enrico Brandolini e Burresi Pietro.
Pisa, lì 21.09.2009
Dante Bonamici

TUTTI I PRESIDENTI DEL CLUB :

1° Presidente - Romano GAMMAROTA (a destra nella foto)
2° Presidente - Roberto PASQUI (terzo da sinistra) 3° Presidente - Paolo DEL MORETTO (secondo da sinistra) 4° Presidente - Giuliano SALVATORINI (quarto da sinistra)
5° Presidente - Moreno PARRA (seduto sotto il n° 42)
6° Presidente - Dante BONAMICI
7° Presidente - Carlo FAGIOLINI
8° Presidente - Sebastiano OTTAVIANO (a sinistra)
9 ° Presidente - Francesco SANTUCCI (ultimo a destra).
Sebastiano OTTAVIANO